[Rece] Il 36° Giusto

Il 36° Giusto

di Claudio Vergnani

edito da Gargoyle Books

528 pagine

15 euro

Riposto la recensione di un must dell horror e non solo. A distanza di un annetto posso dire che della trilogia vampiriana modenese (composta da il 18° vampiro, il 36°giusto e l’ora più buia) questo è il mio preferito, grazie ad un alchimia perfetta di ironia, horror e Pulp…Se non lo avete…correte su Amazon o simili e compratelo! Ora la Rece…

A distanza di un anno dal pluri lodato “il 18° vampiro”, Vergnani torna con “il 36° Giusto”.

Ritroviamo il protagonista Claudio e la sua, inseparabile spalla Vergy. Dopo le disavventure passate hanno deciso di farla finita con la caccia ai Vampiri e visto che i fondi per tirare avanti scarseggiano, decidono di cercare un lavoro. Ben presto il destino e la precarietà li porterà a fare l’unico mestiere di cui sono capaci: “Rompere il culo a quei succhiasangue a tradimento!”

Attendevo con impazienza il 36° Giusto, ho amato molto il predecessore e non vedevo l’ora di tornare a leggere le avventure di Claudio e Co. Con piacere devo confermare la bontà dell’autore, che senza stravolgere, riesce a mischiare le carte in tavola, rendendo il libro non una fotocopia del predecessore, ma un solido “ponte” verso il prossimo e probabile ultimo capitolo.

La struttura del romanzo è particolare, sembra quasi di leggere un fumetto di Dylan Dog, con i nostri anti eroi impegnati in diverse avventure, apparentemente slegate tra di loro ma in realtà collegate da un sottilissimo filo conduttore. D’altro canto si fa sentire la mancanza di un “crescendo” verso una fine che non esiste. È palese la volontà dell’autore di creare le basi per quel che sarà il prossimo e attesissimo (almeno per me) “L’ora più buia”. Nel corso della storia, oltre ai “cari” vampiri reietti e putrescenti, ritroveremo vecchie conoscenze e nuove avvincenti New entry, vivremo storie disperate e malinconiche, citazioni che vanno dalla cultura pop a Shakespeare, momenti “splatter” e divertenti siparietti (raramente ho riso tanto di gusto, leggendo un Horror) e buttate qui e là alcune serie considerazione sulla nostra “moderna” società. Tutti gli elementi fin qui elencati, erano già presenti nel romanzo precedente, ma qui sono elevati all’ennesima potenza, in particolare ho apprezzato il lato umoristico e la promozione di Vergy  a vera Star, lasciatemi dire che è entrato di diritto al primo posto tra i personaggi più carismatici e amati nella mia vita da lettore.

Vergnani usa, con rara maestria, una mistura di Horror, pulp, cultura e humour nero per confezionare un romanzo solido, fuori dai soliti canoni del genere, confermandosi come uno dei più interessanti scrittori nel panorama italiano.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...