[Rece] Inseguendo un Super Santos verso l’infinito

Inseguendo_un_Super_Santos-409x325Ebook

Inseguendo un Super Santos verso l’infinito

di Alessandro Apreda

57 pp

formato e-book: e-pub, mobi;

scaricabile gratuitamente cliccando qui

.

In un mondo giusto il doc Manhattan sarebbe presidente del consiglio, anzi sarebbe presidente dell’intero universo conosciuto e non, e vivremmo tutti in un posto migliore. Peccato che questo non sia un mondo giusto e ci toccano la Biancofiore e Calderoli. Tuttavia c’è una speranza racchiusa tra le pagine del simpatico nonché gratuito ebuuko scritto dal Doc, una speranza pronta a far germogliare il seme dormiente nascosto in ognuno di quei bambini nati alla fine dei 70 e cresciuti a suon di Mazinga, C64 e palloni super Santos.

Il libro è narrato sotto forma di diario del giovane Doc con un linguaggio “dialettale” spassoso e ingenuo, come solo può esserlo quello di un ragazzino siciliano di 12-13 anni.  Il protagonista ci racconta in prima persona le proprie vicisitudini in compagnia dei suoi migliori amici: Sasà detto “Rombo di Tuono” (ma non perchè sa giocare a pallone) e Tonino Pugnetta.

Durante la lettura verrete catapultati indietro nel tempo, nei favolosi ’80 dove il Commodore 64 regnava a suon di cassette e giochi acquistati in edicola, (l’autore infila alcuni giochi moderni come Scribblenauts, Infamous, God of War per farne delle piccole recensioni in salsa C64 estremamente divertenti).

Rivivrete le avvincenti partite a pallone contro i prepotenti del quartiere, le gite con i compagni di classe, le risse imitando Bruce Lee, le sala giochi con le mitiche sigarette drogate…e la finisco qui che sennò il libro che l’ha scritto a fare.

Le avventure del trio vi strapperanno sonore risate e qualche lacrimuccia ricordando i bei tempi. Ecco, forse un difetto del libro è che se siete giovani potreste non cogliere tutte le citazioni e se ci penso mi sento triste per voi.

Se avete trent’anni o giù di lì, Inseguendo un Super Santos è un e-book imperdibile, un libro capace di farci ricordare, senza una falsa quanto inutile nostalgia ma bensì con un sorriso, gli anni più belli della nostra giovinezza, quando correvamo dietro ad un Super Santos o uno sfigato Super Tele inseguendo i nostri grandiosi sogni.

super-santos

[Rece] Agonalia -La lancia di Marte

agonalia

 

Agonalia (La lancia di Marte)

Formato kindle

50 pagine

1,02 euro su Amazon

 

 

 

Finalmente, dopo anni di resistenza psicologica, mi son deciso a comprare un e-reader (un Kobo Aura per chi volesse saperlo) e finalmente posso leggere le decine di e-book che ho scaricato in questi anni.

Tra i quali spunta più volte il nome di Alessandro Girola, blogger e autore inarrestabile di e-book, fieramente autoprodotti. Non potevo non inaugurare il Kobo con un suo lavoro.

Agonalia (La lancia di Marte) è il primo e-book di una trilogia, ambientata in un futuro prossimo, dove un gruppo di scienziati medio-orientali ha risvegliato la Dea Tiamat, la regina-rettile, che ha piegato le principali superpotenze con le sue armate di draghi e pacificato il mondo, ergendosi a custode di un equilibrio duraturo, benché armato. Tuttavia un gruppo di ribelli non è disposto a chinare il capo e si prepara alla controffensiva con il progetto Marzo.

Immagine

La prima cosa che colpisce durante la lettura è l’estrema cura nei dettagli, nulla è lasciato al caso, dagli Dei, alle armi, alla geo-politica, l’autore non trascura niente, regalando la piacevole sensazione di un universo vivo e pulsante. La lettura è estremamente scorrevole, senza tempi morti e inutili divagazioni per guadagnare pagine. L’immedesimazione con i protagonisti è buona, non abbiamo una netta distinzione tra buoni e cattivi, ci sono uomini ricolmi di dubbi su cosa sia giusto fare, altri affamati di vendetta e qualcun’altro di potere.  Insomma il mix tra fantastico e scientifico è perfettamente riuscito, forse e ripeto forse un difetto è la brevità, dopo aver assaggiato l’universo di Agonalia non vedrete l’ ora di sapere come si evolveranno le cose.

Se come me amate le storie apocalittiche, siete cresciuti a suon di Cavalieri dello Zodiaco e amate le leggende degli Dei crudeli e capricciosi, non potete farvi sfuggire questo piccolo gioiello.

Immagine

[Rece] Long Wei “Il tempio”

 

Long Wei è un fumetto pubblicato da Editoriale Aurea da un idea di Diego Cajelli\Luca Vanzella, presentato al pubblico italiano come il primo fumetto di arti marziali ambientato in Italia, più precisamente a Milano.

Il protagonista è un giovane, ex attore cinese in film di arti marziali, Long Wei,  che si trasferisce a Milano per aiutare lo zio ristoratore, diventando, suo malgrado, difensore del quartiere dalla malavita e altri brutti ceffi.

Nei primi tre numeri, gli autori oltre a presentarci il protagonista e i comprimari, hanno curato molto l’aspetto dei combattimenti con uno stile realistico e estremamente spettacolare. Peccato che le storie non spiccassero mai, rimanendo nella media e salvandosi perlopiù per l’originale approccio grafico in alcune scene (vedi il numero 3) e in altre neanche in quello (vedi il pessimo numero 4). Sentivo la mancanza di una trama più grande, uno scopo del protagonista non sempre a fuoco.

Figuratevi che dopo aver letto il 4 avevo deciso di non comprarlo più, vista anche la difficoltà nel reperirlo in edicola. Saltato il numero 5, pochi giorni fa mi son ritrovato sotto il naso il numero 6 intitolato “il tempio”  e non ho saputo resistere alla bellissima copertina di LRNZ.

long_wei il tempio

Il Tempio è tutto quello che fino ad ora cercavo in Long Wei senza trovarlo, un totale tributo d’amore all’action orientale, dove grazie alla storia che alterna presente e passato, conosceremo le origini del nostro eroe, (finalmente possiamo parlare di eroe con questo numero) ponendo le basi per uno scoppiettante futuro, mostrandoci un Villain degno di questo nome e un percorso, un filo rosso da seguire.  Chiariamoci, niente di originale, ma francamente chi se ne frega. Meritano una menzione speciale anche i disegni ad opera del bravo Luca Genovese, che conferma, anzi alza l’asticella dell’ottimo lavoro grafico fatto in toto nell’opera anche in passato.

Abbiamo l’allenamento del giovane allievo, il dramma e la vendetta, tutti i cliché del genere ci sono e io non volevo altro. Un nuovo e esaltante inizio per il nostro eroe, perfettamente leggibile anche da chi non ha letto gli altri albi. Imperdibile per gli amanti delle arti marziali o semplicemente dei bei fumetti.